Direttivo

/Direttivo
Direttivo 2018-12-16T19:34:40+01:00

Il gruppo modellistico M.C.S. 80 (Modellismo, Cultura e Sport) nasce come associazione dandosi un proprio Statuto il 2 Maggio 1983. L’80 sta ad indicare l’anno nel quale il primo nucleo di modellisti, che allora si ritrovava presso un negozio di San Lazzaro, decise di dar vita ad un vero e proprio gruppo chiedendo al Comune di avere una sede permanente per riunioni e mostre, sede che fu regolarmente concessa in Via Kennedy 55.

Cominciò così un più stretto rapporto tra il Comune e i soci di questo gruppo, al cui interno la passione modellistica era suddivisa in due ben distinte branche: Statico e Radiocomandato. Quest’ultima si prodigò affinché l’Amministrazione Comunale, allora molto sensibile a tali attività, concedesse due terreni ben distinti, uno sito in Via Tomba Forella per l’Aeromodellismo e l’altro nelle adiacenze del Parco Ca’ de Mandorli sito in Via Idice.

Il progetto della Pista venne presentato il 19 Maggio 1982 ed il 27 dello stesso mese, su delibera comunale, venne dato il via ai lavori a carico del gruppo M.C.S. 80. Per ottemperare alle norme di legge e per avere una veste giuridica per l’edificazione del circuito, venne legalmente fondato il gruppo M.C.S. 80 che si dichiara apolitico, apartitico, senza fine di lucro, con l’unico scopo di diffondere e promuovere l’attività modellistica in speciale modo tra i giovani. Grazie all’impegno e al lavoro di tutti i soci in poco tempo si poté completare l’opera che venne inaugurata nel Settembre 1983 con una gara ad invito con ricchi premi a tutti i concorrenti.

Per quanto riguarda l’aeromodellismo invece nel 1985 si dovette abbandonare l’area di Via Tomba Forella sulla quale pendeva una precedente delibera comunale riguardante l’estrazione di ghiaia.

Da allora molte cose sono cambiate, e non solo nel settore del modellismo radiocomandato, ma di sicuro l’unica ancora invariata è la passione e la dedizione che i componenti il Consiglio Direttivo hanno nei confronti di questo hobby, passione che li porta a dedicare una buona parte del loro tempo libero in lavori atti a migliorare l’impianto stesso.